Mira el dito - EverDose

Mira el dito

mira el dito

Mira el dito: racconto di una sera come tante.

Arriva li da Claudio, a na certa ora, Marco.. el comunista leninista, visibilmente briaco e con un occhio nero, con un cerotto sotto la palpebra..
– Ah, t’han menato finalmente, eh?
– Eh, si. Ma quello che fa più male è che era di Tramonti. Tramonti di Sotto.. Posto insulso..
Si crea un gruppetto, tutti bicchiere e cicca in mano..
– Beh, insomma, racconta.. rissa da bar?
– No, stavo facendo un ditalino a una..
– La morosa di quello che t’ha menato, magari..
– Si, di Tramonti. Conoscevo lui ma non lei..
– E cos’è successo? Mi immagino il momento che t’ha trovato col dito dentro, eheh.. mira el dito!
– Eh.. niente, eravamo in macchina che limonavamo e io col dito dentro. Lui è arrivato al parcheggio e mi ha tirato un pugno.
– E dopo?
– E dopo è tornato dentro al bar a bere..
– E tu?
– Gliel’ho leccata per 3 ore.. 3 ore..
– Gliel’hai lessata.. mmm.. ma c’è qualcosa che non mi convince.. Com’è che vai al bar, fai un dito a una che non conosci, arriva il moroso, vi scopre, ti mena, torna dentro a bere e tu gliela lecchi.. c’è qualche passaggio che manca, capisci?
La gente va dentro, altra ne arriva. Discorsi da bar, ne più ne meno.
– Stt, adesso che sono andati dentro posso dirtelo.. loro sono di Portogruaro..
– E allora, che cazzo conti balle? Che centra Tramonti di Sotto? C’hai fantasia, eh..
Il comunista barcolla. tira un rutto, bestemmia, beve un sorso di vino..
– Tramonti. Di sotto. Per depistare.. Al bar io ho chiesto a lei se mi accompagnava a casa..
– Era ubriaca?
– Si, tutti ubriachi.. beh, in macchina le faccio il dito.. lui arriva e mi tira un pugno..
– Senza dire niente?
– Si, e poi va via..
– Ma scusa, e tu non hai risposto?
– Aveva ragione.. gli ho tirato un pugno sulle costole, ma come per chiedergli scusa.. così..
– E lei?
– Lei piangeva..
– Si, ma scusa.. io, è vero che di storie ne ho sentite milioni, ma mi spieghi il passaggio dalla scena concitata dei pugni con lei che piange a quando tu c’hai la testa in mezzo alle sue gambe a lessargliela?
– Troia. Sai cosa vuol dire troia? Sai cosa vuol dire non aver mai letto alle elementari il sussidiario? Troia dentro.. dentro..
– Mmm.. beh, sei li che gliela lecchi, e dopo?
– Tre ore.. e dopo.. guarda, le femmine sono proprio delle merde. Dopo le ho detto: ‘Fammi un pompino’. E lei ha detto: ‘no, sono a posto cosi’.. Ma io dico, può esistere questo? Ma quanto merda sei?
– Ma l’hai fatta venire?
– Si, tre ore..
– Eh, scemo. La femmina si porta a cottura e poi si affonda..
Claudio comincia a tirar giù le saracinesche. Vado a pagare. Mi corre dietro..
– Comunque Stalin è l’unico che ha battuto Hitler nella seconda guerra mondiale..
– No, vecchio, ne abbiam già parlato.. Non ti lascio passare questa affermazione. Se gli Alleati non aprivano un secondo fronte in Francia col cazzo che l’armata rossa arrivava a Berlino..
– Ma mi vuoi bene lo stesso?
– Si. Mira el dito.
– Mira el dito.
Le saracinesche si chiudono. Gli attori tornano in camerino. La notte è fredda, e io devo andare al McDonald a prendere i 280 con le patatine fritte. E la maionese..

 

Fammi sapere la tua opinione

Leave a reply

io

Ciao, iscriviti alla NewsLetter!

Abbiamo diverse sezioni nel blog, e senza spammare offriremo solo contenuti utili e di sicuro interesse agli iscritti.

Ti sei iscritto con successo!