Viaggio in Messico, consigli, prezzi e offerte - Everdose

Viaggio in Messico

viaggio in messicoViaggio in Messico, consigli, prezzi e offerte.

Esistono dei luoghi sul nostro pianeta che sentiamo di dover visitare, non so quale sia la ragione di tale pensiero nel mio caso è perché studio il paganesimo e le civiltà mesoamericane e da quando sono nata mi sento legata a quei luoghi, stranamente potrei dire. Detto questo il mio desiderio di sempre era quello di fare un viaggio in Messico, e finalmente dopo anni di si, mah… forse, non so magari il prossimo anno, mi sono concessa una settimana per realizzare questo mio sogno.

Sognare un luogo, informarsi su di esso e visitarlo sono tre cose tutte e tre differenti e il bello dell’andare in viaggio in Messico è stato come effettivamente riscoprire molto di ciò avevo immaginato ma con sorpresa, una sorpresa piacevole dalla quale non sarei mai voluta ripartire.

Il viaggio in Messico l’ho voluto fare organizzato il meno possibile, con lo spirito di chi va in siti dal valore mistico e religioso appartenuti a popolazioni importanti e oggi visitabili. Sono riuscita nel mio intento e ho mantenuto l’approccio al viaggio in questo modo. Il viaggio in Messico l’ho pagato andata e ritorno 1015€ ma non ne sono pentita anche perché arrivare a vedere così da visino i resti delle società mesoamericane è stato stupendo.

La tappa del viaggio in Messico che più mi ha fatto piacere fare anche se il viaggio in autobus è durato un oretta è stata quella di Chichén Itzá nello Yucatan. Visitando questo sito si comprende perché l’UNESCO lo ha nominato Patrimonio Mondiale dell’Umanità inserendolo tra le sette meraviglie del mondo. Poter vedere così da vicino il luogo del popolo Maya è stato emozionante per me. E come primo viaggio all’estero in assoluto lo è stato doppiamente. Mediamente si narra che per visitare tutto il sito si impieghino dalle due alle quattro ore, io mi sono proprio rilassata perché ne ho impiegate quattro e mezzo.

Era talmente tanta la voglia di visitare il luogo che mi sono allargata sul tempo rispetto alla media. All’interno del sito archeologico di una bellezza da lasciare senza fiato troviamo quelle che possiamo definire area 1 e 2 volendo semplificare.

La prima è quella della zona sud risalente al VII secolo questo è un bellissimo scorcio sulle prime costruzioni Maya tradizionali nell’area dello Yucatan.

Nella seconda area troviamo le architetture dei popoli Toltechi risalenti al X secolo qui avviene una mescolanza tra lo stile tradizionale Maya e quello dell’altopiano centrale del Messico.

Una particolarità rende questo luogo ancora più bello ed essermela persa ovviamente mi rattrista ma che dire, sarà per la prossima volta, nell’equinozio di primavera – che quest’anno era il 20 marzo alle 4,30 del mattino – e in quello d’autunno il sole crea un illusione ottica che proietta sulle scale del sito di  Kukulkán un ombra a forma di serpente, animale che nell’animismo simboleggia la grande madre, uno spettacolo che sicuramente è stupendo da contemplare e che sembra attirare numerose visite al sito stesso. Che altro aggiungere, non sono affatto pentita dei soldi spesi per questo viaggio in Messico – e risparmiati a tale scopo – visto che la meraviglia trovata ha superato anche le mie più rosee aspettative.

Rosanna – una nostra lettrice

Tags:

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

io

Ciao, iscriviti alla NewsLetter!

Abbiamo diverse sezioni nel blog, e senza spammare offriremo solo contenuti utili e di sicuro interesse agli iscritti.

Ti sei iscritto con successo!